La rete Globale dei Geoparchi

Prendendo spunto dalla conferenza conclusasi la scorsa settimana, in questo post vi parliamo di un tema strettamente connesso alla nostra filosofia di viaggio, quello dei geoparchi. Tra l’8 e il 14 settembre il Parco Naturale Adamello Brenta ha ospitato l’ottava edizione della conferenza internazionale sui Geoparchi Unesco ed oltre 800 esponenti provenienti da tutto il mondo si sono riuniti per discutere del loro sviluppo sostenibile, portando esempi concreti sul tema.  La rete dei geoparchi è un programma UNESCO nato nel 1998 con lo scopo di valorizzare i siti con alto valore geologico e tutelare la geodiversità. La geologia è ovviamente il tema cardine della rete di geoparchi, ma non l’unico. Una caratteristica peculiare è quella di operare a stretto contatto con le comunità locali, cercando di educare gli abitanti del luogo e di coinvolgerli nelle attività del parco. Il geoparco Mixteca Alta in Messico è uno dei tanti esempi di questa stretta relazione. Il parco sorge in una regione remota chiamata “Sierra Madre del Sur” e la popolazione locale, perlopiù indigena, è estremamente povera e soggetta a un forte crollo demografico. Alcune ragazze del posto sono state coinvolte nel parco sia in attività di escursioni, sia in attività artigianali, quali ad esempio la lavorazione della ceramica. Alla conferenza hanno preso parte due di queste ragazze che per la prima volta affrontavano un viaggio fuori dal loro paese, mostrando un entusiasmo e interesse davvero straordinario per l’iniziativa. L’obiettivo dei geoparchi è quindi quello di diffondere, nelle comunità locali e nei turisti, la consapevolezza del patrimonio naturale e culturale di un territorio. La geologia diventa quindi uno strumento di lettura e valorizzazione del paesaggio, ma anche un’occasione di dialogo, informazione e scambio culturale. Questa è una filosofia che noi di geoviaggiando condividiamo pienamente e cerchiamo di diffondere da anni attraverso i nostri viaggi. In passato abbiamo avuto il piacere di visitare 3 geoparchi Unesco:

Il geoparco di Azores è sviluppato sulle 9 isole vulcaniche dell’arcipelago delle Azzorre e rappresenta una testimonianza unica dell’attività vulcanica recente, con numerosi geositi marini di valore internazionale.

Azzorre_Sao Miguel

Il geoparco di Lanzaote e Chinijo Island è un museo geologico a cielo aperto. Grazie all’assenza di precipitazioni, sulle isole sono ottimamente preservate le strutture sedimentarie ed erosive di origine vulcanica, che raramente si osservano in altri luoghi.

Lanzarote_1

Il geoparco di Katla, in Islanda, è un territorio incredibile dal punto di vista geologico, con ghiacciai, cascate, sabbie nere e vulcani attivi. Acqua e fuoco la fanno da padrone, creando un atmosfera magica che ogni anno incanta migliaia di visitatori.

Islanda_Krafla1

Chi meglio di un team di geologi può consigliarvi come organizzare al meglio la vostra vacanza in un geoparco?

Islanda_Krafla

Per info sulle nostre prossime destinazioni o per organizzare il tuo viaggio su misura potete consultare il sito di Geoviaggiando o scriverci a info@geoviaggiando.it.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...